Psicologo In Blue JeansCaro Psicologo in Blue Jeans,

i tuoi ultimi consigli sono stati molto apprezzati da tutti noi genitori imperfetti! Questa settimana ho ricevuto un quesito da parte di una mamma, che credo sia abbastanza comune: si tratta della libertà di espressione creativa del bambino. Fino a che punto è giusto lasciare liberi i bambini di esprimersi e quando invece è giusto dare delle regole? Aiutaci tu, grazie!
ben rientrato dalle tue vacanze pasquali. Sono davvero felice che questi nostri scambi stiano aiutando te e i tanti genitori imperfetti che ti seguono. La domanda che mi fai questa settimana è davvero molto interessante. Parto col dirti che i bambini sono curiosi e non hanno regole di per sé, se non quelle imposte dal corpo, almeno all’inizio. Perché è importante lasciarti liberi? Perché attraverso i giochi che fanno hanno la possibilità di imparare e di utilizzare un pensiero divergente, strategico nella risoluzione di problemi, anche da adulti. Per questo, vi chiedo di non saturare le giornate dei vostri figli con 100 attività diverse: lasciate spazi liberi che permettano al bambino di decidere cosa fare, anche di annoiarsi (ne riparleremo, ndr). Sostenete gli interessi e i giochi spontanei dei piccoli di casa, giocate e riflettete con loro: insegnate loro il valore di un confronto costruttivo e una condivisione di idee con altri bambini e con voi adulti. Ecco, poi ci sono cose che proprio non si dovrebbero fare, per esempio, perché pericolose o non adatte: qui introducete delle regole. Ricordate: poche regole, adatte all’età, chiare, ma soprattutto concrete! Sorrido ancora oggi quando mia mamma mi dice: ‘Fai il bravo!’ e mi chiedo cosa vorrà dire: bravo è un concetto astratto anche per noi adulti, figuriamoci per i bambini. Evitate i NO: non ci si deve mettere a discutere, i bambini hanno bisogno di capire quale sia il comportamento migliore, tuttavia, siate fermi! Non c’è peggiore esempio che dire una cosa e farne un’altra: ‘se ti comporti ancora così, allora…’ e poi l’allora non avviene, anzi ci sono nuove minacce. Dovete essere credibili.
Quindi, creatività anche per voi genitori e qualche regola: Consentite ai bambini di esprimersi, date loro libertà e fiducia. Insomma, lasciate che loro prendano l’iniziativa… e fatelo anche voi! Un esempio, i vostri pargoli hanno deciso di dare colore alle pareti di casa. Fermi tutti, non urlate! Spiegate loro con calma che il muro non è un luogo adatto e che sistemarlo richiede fatica (anche economica). Se la cosa è fattibile, provate a ri-imbiancare quella parte proprio con i bambini: potranno capire che rimettere a posto è faticoso. Se potete poi, usate vernici lavabili o una lavagna dove i bambini potranno sbizzarrirsi.
Per voi ancora: non alzate la voce, siate chiari e… insegnate ai vostri figli a rimediare, fatelo insieme.
Buon weekend.
Autore

Mi laureo in comunicazione, ma decido di seguire il mio desiderio e divento uno psicologo. Studio come funziona il cervello e come potenziarlo. Ascolto e lavoro sulle storie delle persone che accolgo nella mia stanza e che nel raccontarsi cercano di curare le proprie ferite dell’anima. Leggo per esplorare altri mondi. Scrivo per dar voce ai pensieri. Vado al cinema e a teatro per passione. Ballo per essere più felice!

Scrivi un commento